Alpine rivela la prima uscita di prova dell’Australia; Merc teme il rischio di danni cerebrali al conducente: F1 Pit Talk

La Formula 1 si sta tuffando in una meritata pausa di mezza stagione, ma lo sport non si ferma mai davvero.

In effetti, le prossime settimane potrebbero essere impegnative come tutte le altre in questo sport, con diverse modifiche alle regole ancora in attesa di conferma prima della ripresa delle corse in Belgio alla fine del mese.

Alcune di queste regole sono ancora oggetto di accese controversie nonostante siano trascorsi pochi mesi dall’entrata in vigore e nonostante il lavoro sulle auto del prossimo anno già in corso.

Guarda tutte le prove libere, le qualifiche e le gare del FIA Formula One World Championship™ 2022 in diretta su Kayo. Nuovo su Kayo? Inizia subito la tua prova gratuita >

Ma la FIA ha intenzione di forzare i cambiamenti per motivi di sicurezza, come è sua prerogativa, e il boss della Mercedes Toto Wolff sta implorando i suoi capi squadra rivali di ascoltare i consigli medici su cui si basano, con crescente preoccupazione per il lungo -effetti a termine del rimbalzo dell’auto sulla salute del conducente.

Non è l’unica battaglia che la FIA sta gestendo, tuttavia, con la battaglia con i piloti sull’interpretazione e la coerenza dell’applicazione delle regole ancora in fermento, in particolare con il campione del mondo Max Verstappen in testa alla linea di denuncia dello status quo.

E mentre ci manca ancora la conferma del debutto di Oscar Piastri la prossima stagione, abbiamo almeno un primo accenno di quando l’australiano salirà finalmente su una moderna vettura di F1 per la sua prima sessione di prove libere, e non è troppo lontano.

I PILOTI DI F1 RISCHIANO DANNI AL CERVELLO PER RIMBORSO: WOLFF

Toto Wolff afferma che i conducenti rischiano lesioni cerebrali se la FIA non interviene con nuovi regolamenti per impedire alle auto di focene.

Wolff stava citando uno studio della FIA sugli effetti sulla salute delle auto di F1 che oscillano verticalmente nell’ultima salva nella battaglia del rimbalzo.

Il rimbalzo è stato un importante argomento di dibattito in questa stagione secondo le nuove regole, sebbene la sua gravità sia variata a seconda dell’auto e del circuito.

La Mercedes è stata una delle squadre più colpite, ma al Gran Premio dell’Azerbaigian un numero sufficiente di piloti ha sperimentato il rimbalzo che si sono uniti per fare pressioni sulla FIA per ottenere sollievo.

Alcuni chiarimenti sulle regole entreranno in vigore in Belgio dopo la pausa e nella prossima stagione verranno apportate modifiche più sostanziali.

Max vince il GP d’Ungheria dopo essere partito P10 | 01:16

Le regole proposte renderanno il floor meno potente, ma poiché il floor è fondamentale per le prestazioni in questa generazione di regole, secondo quanto riferito, fino a cinque squadre stanno spingendo per annacquare quelle regole.

La Mercedes, però, è a favore dell’intervento e Wolff ha implorato i dissidenti di considerare la salute dei piloti piuttosto che la ricerca della prestazione.

“Si parla di lobby in entrambe le direzioni, ma penso fondamentalmente, di cosa stiamo parlando?” ha detto, p Sport motoristici.

“La FIA ha commissionato un lavoro medico sulla proposta. Il riassunto dei medici è che la frequenza da 1 a 2 Hz sostenuta in pochi minuti può causare danni cerebrali.

“Abbiamo da 6 a 7 Hz per diverse ore.

“Quindi la risposta è molto semplice: la FIA deve fare qualcosa al riguardo”.

La principale controargomentazione è che il rimbalzo è notevolmente migliorato senza modifiche alle regole e quindi non è un problema di sicurezza, ma Wolff ha affermato che la riduzione ha avuto più a che fare con i circuiti visitati piuttosto che con la naturale eliminazione dell’effetto da parte delle squadre.

“L’argomento è che nelle ultime gare non abbiamo avuto problemi e rimbalzi. Ma non conta, perché Silverstone, Paul Ricard e Austria non sono esattamente piste su cui rimbalzare comunque.

“Non voglio averlo a Spa o in alcune delle gare successive in cui la pista non è liscia come su una pista convenzionale e non abbiamo fatto nulla e la gente dice: ‘Beh, ora è troppo tardi’.

“Credo ancora fondamentalmente che non ci sia scelta per la FIA e per noi di fare qualcosa.

Leclerc bruciato da UN ALTRO errore Ferrari | 01:14

VERSTAPPEN LAMENTI TRATTAMENTO FIA

La FIA sembra non riuscire a prendersi una pausa in questo momento, con Max Verstappen che protesta che l’organo di governo sta trattando i piloti come “dilettanti” nei dibattiti sull’applicazione delle regole.

Ci sono stati diversi punti critici tra i piloti e la FIA solo in questa stagione, in gran parte su questioni di etichetta di guida e approccio duro dei commissari ad alcuni regolamenti sotto la direzione di gara di Eduardo Freitas e Niels Wittich.

Tuttavia, la più recente di queste è stata argomentazioni sulla sorveglianza dei limiti dei binari.

Questa stagione l’intero circuito è presumibilmente monitorato per i piloti che mettono tutte e quattro le ruote oltre la linea bianca. È un allontanamento dal precedente approccio di imporre i limiti della pista solo ad alcune curve e talvolta in base alle linee bianche e altre volte in base al cordolo, cosa che ha frustrato i fan per l’incoerenza dell’applicazione.

In Ungheria, il compagno di squadra di Verstappen alla Red Bull Racing, Sergio Perez, in qualifica ha scontrato i limiti della pista in circostanze curiose. Ha cancellato il suo primo giro della Q2 e quando ha terminato un secondo giro compromesso, il tempo è stato ripristinato dopo la revisione di quella che si è rivelata una chiamata con margini fini.

Nessuno dei due giri è finito per essere abbastanza veloce da entrare nella sparatoria.

Sono arrivati ​​due round dopo che Perez è stato espulso dalla Q3 molto tempo dopo la conclusione delle qualifiche, quando i commissari hanno scoperto che aveva violato marginalmente i limiti della pista durante la Q2, lasciandolo cadere in fondo alla griglia.

Ricciardo sfodera un epico doppio passaggio | 00:46

“Semplicemente non penso che il sistema sia davvero all’altezza”, ha detto Perez in seguito. “Dobbiamo rivederlo e vedere come possiamo andare avanti per avere più coerenza”.

Ma Verstappen ha detto che i tentativi dei piloti di cooperare con il controllo di gara si sono rivelati frustranti, lamentandosi del fatto che i funzionari della FIA preferissero dettare loro piuttosto che lavorare insieme per migliorare la coerenza e l’interpretazione delle regole.

“Come piloti, vogliamo sempre aiutare e dare i nostri consigli, ma non è stato ascoltato nulla e per me è estremamente frustrante”, ha detto. “Non voglio litigare con loro, voglio solo consigliarli, ma sembra che a loro non importi molto.

“In realtà, secondo me, ci guardano un po’ come se fossimo dei dilettanti. Non credo sia corretto”.

ESERCITAZIONI PREVISTE PER LAWSON E PIASTRI

Mentre il paddock di F1 attende la conferma che Oscar Piastri farà il suo debutto a tempo pieno la prossima stagione, una questione che avrebbe dovuto essere resa molto più chiara dalla decisione scioccante di Fernando Alonso di trasferirsi all’Aston Martin dal 2023, l’australiano sarebbe stato chiamato a prendere parte nella sua prima sessione di prove libere.

Secondo il direttore sportivo delle Alpi Alan Permane, Piastri è pronto a saltare su una delle vetture Alpine durante il triplo colpo di testa subito dopo la pausa di metà stagione.

“Non è un grosso problema trovare un fine settimana; ce ne sono molti”, ha detto. “Penso che vedremo Oscar nella nostra macchina per la prima volta a Spa o Monza”.

Ogni squadra è obbligata dal regolamento a dedicare una sessione di prove libere per vettura a un pilota esordiente con meno di tre Gran Premi di esperienza.

Supponendo che Piastri ottenga l’approvazione per sostituire Alonso la prossima stagione, l’australiano dovrebbe soddisfare entrambe le sessioni obbligatorie da rookie.

Il Melburnian sta anche intraprendendo un programma di addestramento che prevede un’ampia corsa sull’auto dell’anno scorso.

Lamonato: Probabile vedere Piastri in F1 | 06:01

Il triple-header sarà un buon paio di settimane per aspiranti antipodi, con Franz Tost che conferma che AlphaTauri utilizzerà la prima delle sue uscite da rookie sul Kiwi Liam Lawson, suo pilota di riserva e della Red Bull Racing.

Lawson, attualmente ottavo nel campionato di Formula 2 con Carlin dopo essere arrivato secondo nel campionato DTM la scorsa stagione, apparirà su una delle vetture di Tost al Gran Premio del Belgio.

La Ferrari ha confermato che Robert Schwartzman, che è arrivato secondo dietro Piastri nel campionato di F2 dell’anno scorso ma è senza una guida a tempo pieno in questa stagione, completerà entrambe le sessioni di prove libere richieste nel corso dell’anno.

.

Leave a Comment