I concorrenti soffrono alla seconda gara annuale di mountain bike A-Basin Reverse Enduro

Kaleb Schumaker di Golden cerca ossigeno mentre gareggia nella gara di mountain bike di Arapahoe Basin Reverse Enduro sabato 30 luglio. La gara ha caratterizzato una brutale salita alla vetta del comprensorio sciistico di Arapahoe Basin e ha testato i limiti dei concorrenti.
Cody Jones/Summit Daily News

Ci sono molte gare di mountain bike impegnative in tutto lo stato del Colorado. Molti sono noti per aver sfidato i limiti fisici e mentali dei concorrenti su 50 o 100 miglia di bicicletta.

Tuttavia, forse una delle gare più sotterranee e impegnative nello stato del Colorado è la gara di mountain bike Arapahoe Basin Reverse Enduro. Sebbene la gara si estenda solo per circa 3 miglia, il percorso è noto per essere estremamente impegnativo.

I concorrenti sono cronometrati solo dalla loro salita in montagna su un mix di singletrack e una strada sterrata molto ripida. I partecipanti iniziano a un’altitudine di 10.780 piedi alla base del comprensorio sciistico di Arapahoe Basin e salgono costantemente fino alla cima della montagna a 12.456 piedi.



Sabato 30 luglio la seconda gara annuale di mountain bike A-Basin Reverse Enduro ha dato il via al festival Bikes, Brats and Brews del comprensorio sciistico con i concorrenti espulsi a ondate da Mountain Goat Plaza.

Fin dall’inizio della gara, è stato evidente che il percorso non era adatto ai deboli di cuore. Oltre 30 entusiasti partecipanti hanno guadagnato elevazione a un ritmo rapido, usando tutto il loro slancio in avanti per potenziarsi più in alto della montagna.



Dopo aver superato la cima del Black Mountain Express, il percorso è diventato drammaticamente più difficile. Con poco più di un miglio da percorrere, i partecipanti sono saltati su Upper Summer Road respirando affannosamente e cercando più ossigeno per potenziare le gambe.

Ora ben oltre 11.000 piedi di altitudine e salendo la parte più ripida della gara: l’ossigeno era difficile da trovare. I concorrenti hanno fatto tutto il possibile per portare la bici su per le colline, ma la maggior parte del gruppo è stata costretta a scendere e correre o camminare con la bici su per le salite più ripide.

Momenti salienti della seconda gara annuale di mountain bike Arapahoe Basin Reverse Enduro sabato 30 luglio.
Cody Jones/Summit Daily News

“Devi guadagnare i turni un po’ come lo sci”, ha detto Erik Sims di Lakewood. “Sicuramente sono sceso dalla moto un paio di volte nelle sezioni più alte, ma nel complesso una buona macinata verso la fine.”

Tutti in gara si sono iscritti volentieri all’intensa impresa, ma durante quella che sembrava una salita senza fine molti hanno maledetto la loro decisione.

Alla fine, i concorrenti hanno scalato la cima della montagna per finire la gara e sono stati in grado di tornare facilmente a Mountain Goat Plaza.

Una volta tornati in fondo, birre e marmocchi erano lì per incontrare i concorrenti dopo essere stati spinti sull’orlo dell’esaurimento negli ultimi 40-60 minuti.

“È stato fantastico”, ha detto Ryan Bennick di Frisco della sua prima gara di mountain bike. “È stato decisamente difficile. I tornanti sono difficili, ma una volta raggiunta quella strada è brutale. È come pubblicizzato, dovrebbe essere difficile.

Ryan Bennick di Frisco nella gara di mountain bike di Arapahoe Basin Reverse Enduro sabato 30 luglio. Nella sua prima gara di mountain bike in assoluto, Bennick si è piazzato 13° assoluto nella divisione maschile di età compresa tra 16 e 40 anni.
Cody Jones/Summit Daily News

La gara è stata suddivisa in sei divisioni in base al sesso e all’età. Nella divisione femminile dai 12 ai 15 anni, Aila Harmala della Summit High School ha corso un gol incontrastato con un tempo di 50 minuti e 29 secondi.

Kelli Fox di Arvada ha vinto la divisione femminile dai 16 ai 40 anni, facendo segnare un tempo di 1:00:58. Fox è stato seguito da Paige Sims di Breckenridge che ha concluso in 1:13:47.

Nella divisione femminile 40-plus, Beth Connelly di Denver è stata la prima a tagliare il traguardo registrando il miglior tempo di una concorrente femminile con un tempo di 42:07.

Teo Ryder ha vinto la divisione maschile dai 12 ai 15 anni gareggiando contro una concorrenza molto più anziana e finendo con un tempo di 42:29.

Teo Ryder è stato la salita su Upper Summer Road durante la gara di mountain bike di Arapahoe Basin Reverse Enduro sabato 30 luglio. Ryder ha terminato la sua salita in un tempo di 42:29 per finire primo nella divisione di età 12-15 anni.
Cody Jones/Summit Daily News

Nella divisione maschile dai 16 ai 40 anni è stato Billy Edwards di Golden a tagliare per primo il traguardo dopo aver navigato abilmente sull’impegnativo percorso. Edwards ha concluso con il miglior tempo assoluto, finendo in 34:29.

Bart Davidson di Dillon ha seguito Edwards al secondo posto con un tempo di 37:08. Jared Napoleon di Silverthorne si è piazzato terzo nella divisione con un tempo di 41:50.

Sims si è piazzato 11° nella divisione d’età con un tempo di 57:36, mentre Bennick è arrivato 13° con un tempo di 59:20.

“Tutti avevano un grande atteggiamento – c’era molto buon supporto”, ha detto Bennick. “È stato divertente, ora ho qualche birra da bere.”

Billy Edwards di Golden sale una serie di tornanti durante la seconda gara annuale di mountain bike Arapahoe Basin Reverse Enduro sabato 30 luglio. Edwards ha ottenuto il miglior tempo della giornata ed è arrivato primo assoluto nella divisione di età 16-40 anni .
Cody Jones/Vertice quotidiano

A completare la competizione c’era la divisione maschile 40-plus, vinta da Kevin Minard di Dillon. Minard ha chiuso con il tempo di 38:34 per il terzo miglior tempo della giornata.

Charles Pratt di Dillon si è piazzato secondo nella divisione con un tempo di 40:29 e Scott Suter di Colorado Springs si è piazzato terzo con un tempo di 41:18.

Per i risultati completi della gara, visita ItsYourRace.com.

Leave a Comment