Quanto è importante la posizione e la postura del piede per i ciclisti?

La comprensione della biomeccanica nel ciclismo ha fatto molta, molta strada negli ultimi 40 anni e Simon Costain è stato in prima linea quando si è trattato di creare una podologia sportiva dedicata.

Era presente all’inizio della chirurgia podiatrica specialistica, svolgendo un ruolo fondamentale nello sviluppo della biomeccanica e dell’ortesi, e tramite il suo Gait and Posture Center in Harley Street Simon ha lavorato con numerosi atleti d’élite, giocatori professionisti di calcio e rugby e top ciclisti di livello, compresi i più grandi nomi alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992. Abbiamo parlato con Simon dell’importanza della biomeccanica per i ciclisti…

> Perché dovresti sottoporti a una fisioterapia dopo un incidente in bicicletta

road.cc: Com’è stato essere il podologo principale del Team GB ai Giochi di Barcellona?

Simon Costain: Beh, devo correggerti leggermente: non ero il capo podologo per il Team GB, ero il solo podologo per il Team GB nel 1992! In realtà sono stato piuttosto coinvolto con alcuni ciclisti, modificando le posizioni dei piedi sui pedali per cercare di ottimizzare la funzione.

Al giorno d’oggi, disponiamo di sistemi computerizzati all’interno della scarpa che registrano la pressione attraverso il piede utilizzando 600 piccoli sensori in ciascuna scarpa, che registrano i carichi di potenza ad ogni regolazione della meccanica del piede e la simmetria sinistra/destra. Tuttavia, a quei tempi era tutto piuttosto semplice: in realtà si trattava solo di dare un’occhiata a tutto e assicurarsi che fosse ottimizzato. Senza alcun dubbio, l’ottimizzazione dell’alimentazione del piede funziona davvero.

Gran parte del lavoro che hai svolto nei primi giorni ha portato a ciò che vediamo ora, con tapis roulant nei negozi di corsa e persino sessioni di montaggio video delle bici. Cosa ne pensi?

Penso che sia fantastico. Il movimento ripetitivo di qualcuno che cammina, corre o va in bicicletta è davvero importante, ed è molto bello vedere negozi di scarpe e negozi di abbigliamento per biciclette che saltano in piedi e iniziano a fare questo tipo di valutazioni. L’unico avvertimento che avrei è che la tecnologia deve essere utilizzata per guardare in dettaglio la meccanica della gamba, non solo per vendere un prodotto particolare.

Quando si tratta di adattarsi alla bicicletta, tuttavia, sono generalmente molto impressionato dagli sviluppi nel modo in cui i negozi specializzati stanno adattando le persone alle loro biciclette. Uno dei miei pazienti qualche settimana fa mi ha gentilmente inviato un video della sua biomeccanica scattato nel suo “negozio di biciclette” che è stato estremamente impressionante, e non esiterei a indirizzargli i pazienti dei ciclisti.


Perché ti sei interessato a quest’area della biomeccanica quando in realtà hai iniziato con la podologia tradizionale e poi con la chirurgia podiatrica?

È semplicemente perché ne sono davvero affascinato e posso vedere quanto grande possa avere l’effetto di ottimizzazione della gamba del piede e della biomeccanica della colonna vertebrale.

Molti anni fa, mio ​​cugino, un veterinario specializzato in cavalli di razza, è venuto a vedere cosa stavo facendo. Mi ha osservato mentre lavoravo con gli atleti, usando il software per determinare il movimento dei loro piedi, gambe e schiena. Una volta che i pazienti se ne furono andati, mi disse: “È davvero bello vedere la medicina finalmente raggiungerci: sei solo circa 50 anni indietro rispetto alla medicina veterinaria”. Poi mi ha dato un libro intitolato “No Foot, No Horse”, che mostrava i cavalli analizzati su un tapis roulant.

Ha detto, se prendi un cavallo da £ 10.000 e lo dai a un buon maniscalco, il maniscalco ottimizzerà il carico del piede attraverso tutti e quattro i piedi del cavallo e vincerà le gare in modo che il valore del cavallo aumenti enormemente. Ma se lo porti da un cattivo maniscalco, potresti anche farlo addormentare. In termini di prestazioni umane, può essere una situazione molto simile.

> Allenamento di forza per ciclisti

Quanto spesso tratti i ciclisti e che tipo di problemi vedi?

In questi giorni vedo meno ciclisti d’élite, ma con i ciclisti amatoriali appassionati vediamo molte sindromi da attrito della fascia ileotibiale: il lato laterale del ginocchio che diventa dolorante. Il movimento ripetitivo del ciclismo è la forza trainante, ma l’ottimizzazione della calzata della bici può risolverlo controllando il movimento del piede nelle tacchette e regolando le tacchette o il movimento del piede nelle scarpe incastrandole in un modo o nell’altro. Inoltre, i differenziali di lunghezza delle gambe possono essere un’altra caratteristica dei ciclisti, nel qual caso potremmo guardare al ginocchio anteriore o alla lombalgia.

Alcuni ciclisti sosterranno che non è solo sulla bici che sviluppano infortuni. Se parliamo di triatleti, ad esempio, di solito soffrono di problemi legati alla loro unica attività di carico – la corsa – più che andare in bicicletta o nuotare. Sembra che alcuni sport abbiano una certa predilezione per l’infortunio e con i triatleti è più associato alla meccanica della corsa e della camminata, piuttosto che alla meccanica del ciclismo. I triatleti seri di solito hanno le loro bici impostate molto bene.

Molti dei casi che vedo devono essere trattati da qualcosa di più di un semplice podologo. Ecco perché trovo così eccitante nel mio mondo ora, lavorare con un team multidisciplinare di persone. Tendiamo tutti a guardare al problema e pensare a regolare la posizione della sella e/o del piede. Quindi, con i sistemi di test di adattamento al ciclo, possiamo testare oggettivamente il carico di potenza attraverso i piedi.


plantari

Quanto è importante per i ciclisti appassionati affrontare i problemi di posizione e cosa possono fare?

Penso che la posizione del tuo piede mentre pedali sia di fondamentale importanza. L’altezza della tua sella è molto importante ovviamente, ma poi è molto importante guardare le tue tacchette. Vogliamo escludere qualsiasi movimento non necessario nel ciclismo. Hai bisogno di movimenti sul piano sagittale (su-giù), non tanto di movimenti rotatori della gamba, della caviglia o del piede.

> 10 consigli utili ai ciclisti per salire più velocemente in salita

La gamba, il piede e la caviglia ruoteranno per compensare un problema, ma tu vuoi ridurre quel movimento rotatorio e trasferire quella rotazione al movimento sagittale, semplicemente incuneando semplicemente l’avampiede del piede. Potresti non aver bisogno di plantari complessi per questo, ma inizia con piccoli spessori posizionati tra la tacchetta e il pedale o all’interno dell’avampiede della scarpa da ciclismo. Nella sua forma di base, non è una cosa complessa da fare e con una sessione di cycle fitfing usando un turbo trainer, puoi guardarla da vicino e ottenere un feedback davvero buono.

Quanto ha aiutato la tecnologia a risolvere questo tipo di problemi?

Avere il movimento del ciclista riprodotto in video al rallentatore può davvero far luce sul malfunzionamento del piede e della gamba e sulla possibile connessione tra qualsiasi dolore alla caviglia, al ginocchio, all’anca o alla schiena. È davvero uno strumento per poter spiegare utile a un paziente oa un atleta cosa potrebbe essere che sta creando il loro infortunio ripetitivo.

Infine, un altro grande innovatore nel ciclismo, Mike Burrows ha un po’ di esperienza nella vela. Hai attraversato l’Atlantico quattro volte. C’è qualcosa nella navigazione che induce le persone a guardare il mondo in modo diverso?

Ebbene, trovo affascinante la geometria di una barca e il modo in cui si muove una barca a vela. La meccanica di una barca a vela è molto migliore se la barca a vela è completamente e totalmente simmetrica. Quindi quello che sto cercando di trovare quando guardo le persone che tratto, è la simmetria del corpo umano, il più da vicino possibile.

Come ciclista, se sei asimmetrico, non sarai un ciclista bravo come lo saresti se il tuo corpo fosse simmetrico. Questo è il motivo per cui penso che l’adattamento al ciclo funzioni: stai solo ottimizzando la pressione simmetrica verso il basso/verso l’alto sui piedi.

Naturalmente, nessun essere umano è simmetrico, ma se riusciamo a massimizzare la simmetria al meglio delle nostre capacità, penso che possiamo trovare non solo prestazioni ottimizzate, ma anche un trattamento efficace per alcune lesioni.

Ottieni più risposte alle tue scottanti domande su fitness, salute e manutenzione andando alla nostra sezione delle funzionalità.

Leave a Comment