Tavola rotonda sulle corse: Cyberknife, Nest e Glade

Nell’edizione di questa settimana della Racing Roundtable, James Scully, Kellie Reilly e Vance Hanson parlano dell’immediato futuro del vincitore di Haskell (G1) Cyberknife e delle ricadute a seguito di un paio di gare per puledre e fattrici a Saratoga.

Vedi Cyberknife come uno dei principali candidati di Travers (G1) dopo la vittoria di Haskell?

James Scully: Sì, uno dei tanti contendenti principali. Ora due volte vincitore di Grado 1, Cyberknife ha realizzato il miglior sforzo in carriera nell’Haskell, ottenendo un punteggio di 104 Brisnet Speed ​​​​dopo aver affrontato coraggiosamente in spazi ristretti per battere Taiba, e il puledro Gun Runner potrebbe continuare a progredire. La divisione di tre anni ha una profondità, poiché Charge It, Early Voting, Epicenter e Zandon puntano tutti al 10 agosto. 27 Travers insieme a Cyberknife e alcune gare emozionanti ci aspettano.

Kelly Reilly: Brad Cox pensava che Cyberknife avesse la pura capacità di diventare un giocatore di divisione fin prima del Lecomte (G3), e il puledro Gun Runner ora sta offrendo. A giudicare da quanto suo padre è progredito da tre a quattro, e dato che sua madre, Awesome Flower, eccelleva allo stesso modo in termini di maturità, Cyberknife è idoneo a continuare a prosperare. Detto questo, i Travers saranno un incarico più difficile rispetto ad altri importanti alunni della Triple Crown. E ha ottenuto la sua sistemazione ideale a Monmouth, dove ha sfruttato il singhiozzo di Taiba e l’incapacità di Jack Christopher di rimanere nel viaggio. Cyberknife è avanzato sulla ringhiera quando Taiba ha tradito la sua inesperienza facendo un passo indietro. Se Taiba non avesse fatto girare le ruote all’interno, avrebbe tagliato l’angolo e probabilmente Cyberknife avrebbe preso la strada via terra. Invece, è stato Taiba che è andato largo e poi ha calciato in marcia. Invertire i viaggi e Taiba potrebbe aver vinto.

Vance Hanson: Cyberknife ha sicuramente fatto progressi significativi vincendo l’Haskell, registrando il suo punteggio di Brisnet Speed ​​​​più alto di sempre. Quel tipo di numero è valido per metterlo nel mix di Travers, ma dovremo vedere cosa scuoterà il Jim Dandy (G2) il prossimo fine settimana. Quella gara è molto pesante con il duo formato da Chad Brown di Early Voting e Zandon, così come Epicenter. Il Kentucky Derby (G1) non è stato un vero conto per Cyberknife, ma non c’è dubbio che abbia forma da trovare contro i due di quelli che ha affrontato in precedenza per oltre 1 1/4 miglia.

Tiri i dadi con Nest in the Travers o scegli l’Alabama (G1)?

JS: No, l’Alabama è un obiettivo realistico. Il Travers offre una settimana di riposo extra, che potrebbe essere interessante per i collegamenti, ma entrambe le gare si terranno a 1 1/4 miglia. E Nest non ha rinchiuso la divisione puledra di tre anni, ha diviso due incontri con Secret Oath, che avrebbe l’opportunità di guadagnare terreno prezioso con una vittoria in Alabama e una sconfitta di Nest nei Travers. Nest si è adattato al Belmont S. (G1) di 1 1/2 miglia, finendo secondo contro un gruppo di maschi a cui mancano diversi giocatori di spicco delle prime due gambe della Triple Crown, ma i Travers saranno una gara più profonda.

KR: Essendo uno che si stava agitando affinché Nest andasse al Belmont prima dei Kentucky Oaks (G1), non sono affatto contrario a considerare i Travers. Ma le circostanze sono diverse, il che lo rende una scommessa più grande con implicazioni sia per la Breeders’ Cup che per un Eclipse Award. Affrontare il Belmont ne è valsa la pena per due motivi: era un’opportunità unica contro i maschi a distanza che probabilmente l’hanno favorita e non avrebbe mancato alcun obiettivo importante nella sua stessa divisione. Il Travers è più complicato. In primo luogo, dovrebbe attirare più uomini di alto livello rispetto ai Belmont, dal momento che diversi sostenitori della divisione si stavano già rinfrescando dopo i primi due gioielli. Ancora più cruciale, Nest salterebbe il prossimo punto ovvio del suo calendario, l’Alabama, dove potrebbe conquistare il titolo di campionessa di puledra di tre anni con un’altra vittoria su Secret Oath. Ovviamente, Nest può concludere la sua Eclipse se batte i maschi nei Travers, ma se perde, rischia anche i suoi obiettivi a lungo termine: la Breeders’ Cup Distaff (G1) e il campionato di divisione. A meno che i Travers non cadano a pezzi, l’Alabama è il gioco più saggio.

AT: Sebbene Nest e Secret Oath siano legati 1-1 negli incontri testa a testa quest’anno, la prima si è affermata, secondo me, come la chiara leader della divisione dopo aver battuto Secret Oath al Coaching Club American Oaks. Ha anche un posto nel Belmont al suo attivo, mentre Secret Oath ha lottato due volte contro i maschi in questa stagione. Nessuna puledra ha vinto i Travers in più di un secolo e pochi ci hanno provato da allora, ma quella gara sarebbe un’opzione da non perdere che dovrebbe essere fortemente considerata rispetto all’Alabama. Un grande spettacolo nel “Derby di mezza estate”, anche in uno sforzo perdente, è meno rischioso per le sue aspirazioni al campionato di una potenziale battuta d’arresto in Alabama.

Clairiere è ora la puledra da battere nella Breeders’ Cup Distaff?

JS: Sì, è arrivata all’età di quattro anni e si merita il massimo. Vincitore eccezionale su Letruska, Malathaat e risultati di ricerca nell’Ogden Phipps (G1) dell’11 giugno al Belmont Park, Clairiere lo ha sostenuto nello Shuvee (G2) di domenica a Saratoga, superando una trasferta travagliata per vincere andando oltre le probabilità su Malathaat di 1 1/2 lunghezze. Non sarà la seconda scelta nelle scommesse la prossima volta. La Stonestreet Farm, figlia di Curlin, è stata una solida interprete l’anno scorso, vincendo il Cotillion (G1) e registrando un quarto posto nella Breeders’ Cup Distaff, e Clairiere ha iniziato a farlo al momento.

KR: Le vittorie consecutive di Clairiere su Malathaat – una rivale che non è riuscita a battere in quattro mete la scorsa stagione – hanno elevato la sua posizione nella divisione e quindi le sue pretese sul Distaff. Tuttavia, sono riluttante a pensare in termini di “colui da battere” così lontano. A parte le mie speranze per Nest di tre anni, Clairiere ha nemici notevoli nei ranghi delle donne più anziane. Sono abbastanza ostinato da non arrendermi a Malathaat, che è 2 su 2 nel sito ospitante Keeneland. I risultati della ricerca sono appena rimbalzati con il Molly Pitcher (G3) e, sulla base del suo quasi incidente a Malathaat nel Kentucky Oaks dell’anno scorso, fa parte della discussione. Inoltre, ricorda che Shedaresthedevil è andata meglio di quelli coinvolti nel ritmo folle in Distaff dell’anno scorso, finendo sesto, ed è tornata a suonare. Infine, Letruska è ancora sulla scena. L’ultima cavalla a battere Clairiere, sta sparando proiettili a Churchill Downs. Rivali di questo calibro sono in grado di cambiare la narrazione, possibilmente non appena il Personal Ensign (G1).

AT: Superando un passo lento e un piccolo campo, Clairiere ha ottenuto un netto vantaggio nei ranghi delle fattrici più anziane nello Shuvee. Ci sono sospetti dal campo di Malathaat, tuttavia, che non fosse all’altezza della gara di domenica. Se vero, il divario tra i due rimane molto stretto. Tuttavia, Clairiere ha fatto grandi passi avanti dalla sua campagna di tre anni e a questo punto sembrerebbe essere il nome principale tra i vecchi set del Distaff a Keeneland a novembre, che si preannuncia essere un affare eccezionale.

Leave a Comment